venerdì 3 maggio 2013

Torta di Pere. Primi caldi, ultime tentazioni d'inverno.

Ahimè, per chi, come la sottoscritta non sopporta il caldo, la notizia del giorno non è piacevole.
Sono purtroppo arrivate le prime avvisaglie di una stagione non particolarmente gradita.
E allora, prima che giunga, impietosa, la calura torrida che mi toglie il respiro, mi diletto con le ultime preparazioni dal sapore invernale, come questa torta alle pere, ad esempio.
Semplice ed intramontabile.
Bella corposa e nutriente, mi piace accompagnarla ad un cappuccino d'orzo con tanta bella schiuma o ad una cremosissima cioccolata calda.
Da' quasi l'illusione di aver appena portato fuori dal ripostiglio gli addobbi per l'albero di Natale.













Torta di Pere


Ingredienti:
150 g di farina speciale per dolci macinata a pietra
70 g di farina di farro integrale biologica macinata a pietra
2 cucchiaini rasi di bicarbonato di sodio
3 pere sode qualità Abate
150 g di zucchero grezzo di canna
2 uova grandi
120 g di burro morbido
80 ml latte parzialmente scremato
cannella in polvere

Sbucciare e tagliare due pere a cubetti e spolverizzarle con un cucchiaino scarso di cannella in polvere.
Montare i tuorli con lo zucchero fino a farli diventare spumosi.
Aggiungere il burro morbido e mescolare ancora. Unire delicatamente all'impasto, e poco alla volta, le farine precedentemente setacciate insieme al bicarbonato di sodio.
Incorporare altrettanto delicatamente gli albumi già montati a neve ed unire le pere a tocchetti. Sbucciare e tagliare a fettine sottili la pera rimasta.
Trasferire il composto in una tortiera rivestita di carta da forno e guarnire con gli spicchi di pera disposti a raggiera.
Infornare a 180° per 35 minuti (non preriscaldare, ma inserire la teglia a forno freddo), lasciar raffreddare su una gratella per dolci e spolverizzare con poca cannella.






1 commento:

  1. beh, ma sai che questa mi fa una gola... Mamma mia. Penso alle pere rese cremose dalla cottura che mi si sciolgono in bocca, penso a quella pasta così delicatamente morbida, penso alla crosticina "perosa" e la vorrei tanto assaggiare. Se la farò dovrò sosituire il burro con l'olio, perché ho già il colesterolo che grida aiuto, non facciamolo annegare del tutto :))). Ho anche idea che potrei totalmente veganizzarla... così da tenermi le uova per i secondi, anziché consumarle nei dolci. Certo, così la snaturerei di sicuro, ma almeno una lieve idea di quello che è in realtà questa golosità, ce l'avrei. Intanto me la segno :))) Un bacione!!!

    RispondiElimina

Chiacchierare con voi è sempre una gioia.
Grazie per i pensieri ed il tempo che mi dedicate.
Mi dispiace, ma i commenti anonimi verranno eliminati.