lunedì 3 giugno 2013

Quiche al pesto. Ma non erano terminati i lavori di fino?

Per la verità l'idea di ieri era quella di preparare sì una torta ma dolce e per la precisione questa meraviglia. Invece alle 18 (ho approfittato dell'assenza dei topi di cui ho parlato in qualche post fa) ero ancora alle prese con le credenze della cucina dalle quali avevo tirato giù stoviglie, scodelle e company per fare un po' di ordine. Ho a malincuore rinunciato alla crostata, trovando giusto il tempo di preparare una quiche veloce per la cena.
L'ingrediente clou della torta salata è la prescinsêua, la cagliata fresca leggermente acidula, presente in molte preparazioni della cucina ligure. Priva di lattosio, con un  basso contenuto proteico e ricca di fermenti lattici vivi, si è rivelata una vera sorpresa. Anche se, devo confessare che, pur essendo "conterranea dell'ingrediente", questa è la prima volta in cui l'ho usata... La ricetta l'ho trovata in un volumetto che raccoglie diverse, interessanti preparazioni che ne  prevedono l'utilizzo. Considerato il riuscito abbinamento del sapore della prescinsêua con quello degli altri ingredienti, ho intenzione di sperimentare al più presto le altre indicazioni del ricettario.



Più a fuoco il piatto della torta...ma rende l'idea.




Quiche al pesto
(dal ricettario "Prescinsêua, l'accento sul gusto)

Ingredienti

1 rotolo di pasta sfoglia ( la ricetta prevedeva la brisée fatta in casa)
250 g di prescinsêua (si può sostituire con un miscuglio di ricotta e yogurt greco)
2 uova (nella ricetta originale 3)
100 g di pesto fatto in casa (ne ho messo solo i 60 g. che mi erano rimasti)
150 g pomodorini ciliegini maturi (ho usato un grosso cuore di bue che ho tagliato a fettine)
30 g di parmigiano grattugiato (nella ricetta originale 50)
sale

Srotolate la pasta sfoglia direttamente sulla teglia. In una ciotola amalgamare la prescinseua, il pesto, il parmigiano e le uova leggermente sbattute, poi salare. Distribuire la crema sulla pasta sfoglia e disponervi i pomodorini a distanza regolare , lasciando che emergano per metà della crema. Cuocere in forno preriscaldato a 180° per 25/30 minuti.


1 commento:

  1. Si, rende eccome l'idea!!
    Mi sa proprio che fosse ottima!!
    Ma sei mia conterranea allora!!
    Ciaoo!

    RispondiElimina

Chiacchierare con voi è sempre una gioia.
Grazie per i pensieri ed il tempo che mi dedicate.
Mi dispiace, ma i commenti anonimi verranno eliminati.