lunedì 5 gennaio 2015

Zuppa Inglese con Pandoro, Crema di albumi, Nocciole e Cioccolato. Sacrilegio!

Parlare di ricetta del riciclo, trattandosi delle ultime fette dei pandori che tanto mi hanno impegnata in questo periodo natalizio che volge al termine, mi sembra quanto mai sacrilego. 
Se penso al tour de force della lavorazione, al timore di perdere qualche passaggio nell'esecuzione, alla gratificazione finale...brr... mi vengono i brividi! ^_^
Però, le ultime, intatte (come appena sfornate!) e soffici fette, le ho immaginate superbe protagoniste di un dessert al cucchiaio. 
Così è nata questa sorta di zuppa inglese con una leggerissima crema agli albumi (anche questi residuo degli impasti di pandoro e panettone).
Chiedo venia per le foto. In questi concitati momenti di preparazioni natalizie, sempre con i minuti contati, non ho potuto scegliere il momento in cui la luce naturale (unico aiuto per un'eterna principiante della food photography come la sottoscritta), mi sarebbe stata di ausilio per gli scatti.
Ho salvato quelli migliori...figuratevi gli altri.
Ma valeva proprio la pena archiviare nel blogghino questo golosissimo dessert.

Felice giorno dell'Epifania e buon ritorno alla consueta quotidianità!

Maria Grazia


















Zuppa Inglese con Pandoro, Crema di albumi, Nocciole e Cioccolato





Ingredienti
(per 3 persone)

Per la crema di albumi, nocciole e cioccolato

500 ml di latte parzialmente scremato
100 g di zucchero semolato
50 g di farina speciale per dolci
100 g di albumi
1 fialetta di essenza di vaniglia
30 g di nocciole pelate, tostate e tritate
gocce di cioccolato fondente (a piacere)

fette di pandoro
confettura di mele e pere alla cannella homemade
marsala dolce qb
cacao amaro per decorare


La crema di albumi

Sbattere gli albumi con lo zucchero fino ad ottenere una crema densa e spumosa. Aggiungere la farina setacciata, il latte caldo (ma non troppo) versato a filo. Mescolare bene e cuocere a fuoco dolce fino ad ottenere una crema morbida ma non troppo densa. Pochi secondi prima di spegnere il fuoco, aggiungere una fialetta di essenza di vaniglia (o l'aroma che preferite). Unire le nocciole tritate e le gocce di cioccolato fondente.

La zuppa inglese

Porre le fettine di pandoro nelle ciotoline monoporzione (eventualmente tagliare le fette a metà per farle stare di misura nel recipiente), spruzzare su di esse un po' di marsala, fare uno strato di crema alle nocciole e cioccolato, uno di confettura e proseguire terminando con uno strato di crema agli albumi. Lasciare riposare in frigorifero per almeno 1 ora e mezza/2 ore. 
Decorare con una spolveratina di cacao amaro e fettine di pandoro prima di servire.

24 commenti:

  1. Ciao Maria Grazia, come stai? Spero che l'anno nuovo porti con se tanta salute, serenità e gioia per te e per i tuoi cari. Hai iniziato l'anno alla grande carissima. Questo dolce al cucchiaio è golosissimo e pensare che hai usato il tuo fantastico pandoro per prepararlo lo rende ancor più speciale!! Bacioni, Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Mary, io sto bene e tu? Qui si spignatta sempre, come vedi. Ma guai se abbandonassi la mia cooking therapy :)
      Grazie di cuore, cara amica. Ti mando un enorme abbraccio e ti auguro buona serata!

      Elimina
  2. Cara maria Grazia, è proprio vero quello che si dice! Che i vecchi sono come i bambini, io sono la prova vivente, sono un golosone, e guardando le foto mi viene l'acquolina in bocca.
    Ciao e buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io conosco un Tomaso, fra gli amici del mio blog e non è affatto vecchio! :)
      Tu sei sempre giovane, caro amico!
      Grazie di cuore e buona serata anche a te!

      Elimina
  3. ahahah...sorridevo mentre ti leggevo perchè pensavo alla fatica che ho impiegato anch'io a fare il pandoro e alla fine riciclosa che ha fatto l'ultima fetta :-P
    Ottima la tua idea..meno male che x almeno un anno non sentirò + parlare di pandori e panettoni :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora sai bene di che parlo, Consu. Tensione alla massima potenza!!! :)
      Vorrei ricordarti che tempo qualche mese e sarà tempo di colomba. Ma lì sarà una passeggiata al confronto :)
      Grazie mille, tesoro e buona serata!

      Elimina
  4. Fantastico! Ma a me no, non è avanzato, ne ho fatti 3. Il primo ce lo siamo sbafato subito, era una prova! Il secondo l'ho regalato ed il terzo è finito! Erano piccoli però, ho uno stampo da 750 g.! Comunque questo dessert è delizioso! Un bacione grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sei un portento, Marina! Tre pandori!!!
      Diciamo che le tre fette le ho fatte avanzare io, conoscendo i pollastri :)
      Grazie mille ed un bacio grandissimo anche a te!

      Elimina
  5. Noooo, non riciclo!!! Hai solo ideato un altro modo deliziosissimo per gustarlo!! Ottima e poi con il pandoro fatto in casa ha davvero una marcia in più! Brava!!
    Un bacione e buona Epifania!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehhh, l'avevo detto che parlare di riciclo sarebbe stato sacrilego :)
      Grazie mille, Silvietta!!!
      Un bacio e a presto (speriamo!)

      Elimina
  6. Brava Maria Grazia. Ti ammiro sia per la tua buona volontà nel fare il pandoro che per la tua fantasia nell'utilizzarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre gentilissima, Monica! Grazie di cuore e Buon Anno!

      Elimina
  7. una coppa di quella bontà la mangerei anche adesso che mi sto sforzando con la dieta(scarsi i risultati....)Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A fine Festività dobbiamo rientrare tutti nei ranghi, Chiara :)
      Piani pianino. Con tutta calma :)
      Grazie mille! Un bacio grande anche a te!

      Elimina
  8. Ciao Maria Grazia! Innanzitutto tantissimi auguri di buon anno e che possa essere ricco di salute, gioia e serenità.
    E sai che adoro questa coppetta? Certo, riciclare il tuo bellissimo oandoro sarebbe stato un vero peccato, hai ragione. Ma così l'hai comunque valorizzato al top!
    Ti abbraccio e buona epifania!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tantissimi auguri di cuore anche a te, Annarita!
      E sì, dopo tutto quel lavoro mi si è stretto un po' il cuore a riciclare il mio pandorino :)
      Grazie infinite e buona settimana!

      Elimina
  9. Beh, se tutti i ricicli fossero come questo, ben vengano! E poi col tuo pandoro fatto in casa, deve essere divino. Complimenti!

    RispondiElimina
  10. Carissima Maria Grazia, una ricetta speciale, altro che riciclo:)) e golosissima e con un valore enorme in quanto realizzata con il tuo pandoro, genuino e senza le sostanze sicuramente non salutari presenti copiosamente nei prodotti industriali. Hai ideato con ingredienti di altissimo livello, un
    dolce favoloso:)) mi sta venendo troppa voglia di assaggiarlo..buonissimo:))
    bravissima come sempre Maria Grazia ti faccio i miei migliori complimenti:))
    un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  11. oh che bontà, adoro il pandoro e preparato così mi pare ancora meglio che da solo, ci credi che non ne ho mangiato neanche un pezzetto queste feste? ottimo davvero, buona giornata cara!

    RispondiElimina
  12. nulla di sacrilego quando è buono

    RispondiElimina
  13. Ciao! :-) scusa, ma non vedo scritto quanti albumi, per la crema...ciao e grazie. Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Cinzia. Che piacere leggerti qui! Grazie per avermi segnalato la svista!
      Solitamente io utilizzo circa 100 g di albumi, quindi tre o quattro.
      Grazie ancora a te e buon proseguimento!

      Elimina

Chiacchierare con voi è sempre una gioia.
Grazie per i pensieri ed il tempo che mi dedicate.
Mi dispiace, ma i commenti anonimi verranno eliminati.