martedì 21 aprile 2015

Paccheri Gratinati Ripieni ai Formaggi, Asparagi e Gamberi Rosa. Tecnica di rilassamento: cucinare!

Sabato scorso sono rimasta sola a pranzo. Che mi ricordi, non accadeva da anni. 
Ora ditemi. Impegnati fuori casa figlio e consorte, non avrei forse potuto accordarmi con un'amica e pranzare con lei in una piacevole alternanza di cibo e chiacchiere? 
Invece, e non faticherete ad immaginarlo, laboratorio aperto ed esperimenti a pieno regime.
D'altronde, in quale altra propizia occasione avrei potuto cucinare una succulenta ed impegnativa pasta al forno?  
Normalmente, le mattinate dei week-end trascorsi in casa sono caratterizzate da un bombardamento di quesiti e richieste. Da una parte s'ode una voce chiedere un chiarimento di latino e dall'altra una che, accorata, sollecita informazioni riguardanti la collocazione delle camicie...che da oltre vent'anni hanno residenza presso lo stesso armadio.
No, no. Occasione da prendere al volo!
In una mattinata come quella descritta,  i paccheri sarebbero usciti più scotti che mai, gamberi ed asparagi inceneriti e la sottoscritta dritta ad una lezione d'emergenza di training autogeno.

Buon proseguimento di settimana!


Maria Grazia












Paccheri Gratinati Ripieni ai Formaggi, 
Asparagi e Gamberi Rosa



Ingredienti

33 paccheri Pasta Lagano
(lessare qualche pacchero in più, da utilizzare nel caso se ne rompesse qualcuno)
200 g di robiola 
200 g di ricotta sarda
1 mazzo di asparagi
300 g di gamberi rosa freschissimi 
1 scalogno
1/2 bicchierino da liquore di brodo di giuggiole (o vino bianco dolce)
sale


La besciamella

900 ml latte scremato
60 ml latte scremato (per il roux)
50 g di farina di riso








Preparare la besciamella

Scaldare il latte in una casseruola e nel frattempo preparare il roux sciogliendo la farina in 60 ml di latte. Aggiungere il latte caldo, salare, portare ad ebollizione e spegnere il fuoco. 
La consistenza sarà quella di una besciamella meno densa di quella tradizionale.


La Ricetta
                                                         
Cuocere i paccheri e scolarli al dente, facendo attenzione a non romperli.
In una ciotola mescolare la robiola con la ricotta e lavorare i formaggi a crema con l'ausilio di poco latte.
Staccare la testa del gambero e togliere il carapace che ne contiene la polpa. Con un coltello praticare un taglio sulla schiena del crostaceo ed eliminare il filamento intestinale. Sciacquare bene i gamberi e tenerli da parte.
Sciacquare e mondare gli asparagi. Eliminare la parte dura spezzandoli con le mani, in modo da separarla da quella commestibile.
Tagliare gli asparagi a qualche centimetro dalle punte e tenere da parte i gambi. Questi si faranno poi lessare, tagliati a rondelle e per un paio di minuti, in poca acqua. Si frulleranno e si uniranno alla besciamella.
In un pentolino, preparare un fumetto veloce con i carapaci e le teste dei gamberi, facendoli bollire per qualche secondo. Filtrare il liquido e tenerlo da parte.
In un tegame dal fondo antiaderente e dai bordi alti, rosolare lo scalogno tagliato a fettine sottili ed unire le punte degli asparagi. Proseguire la cottura fino a che queste non saranno croccanti.
Unire i gamberi, sfumare con il brodo di giuggiole (o il vino bianco dolce), cuocere per qualche minuto, eventualmente bagnando con il fumetto di carapaci.
A cottura ultimata, tritare le punte di asparagi insieme ai gamberi, unirli alla crema di formaggi ed amalgamare bene.
Bagnare con poco latte il fondo di una pirofila, sistemare i paccheri "in piedi" uno vicino all'altro.
Con l'ausilio di una sacca da pasticcere o di una siringa per alimenti, introdurre la crema di formaggi, asparagi e gamberi (nel caso ne fosse avanzata, unirla alla besciamella, mescolando con cura).
Versare sulla pasta ripiena la besciamella, distribuire sulla superficie qualche fiocchetto di burro ed infornare a 190° per circa 15/20 minuti, usando la funzione grill negli ultimi 5).
Regolarsi comunque secondo il proprio forno e seguire costantemente la cottura.

45 commenti:

  1. Se sono sola, mangio quello che trovo in frigo oppure una brioche con gelato se è estate.
    Hai fatto un piatto bellissimo e poi hai avuto anche più tempo per fare le foto, essendo da sola ;)!
    E' tanto che non passo a trovarti, vedo che hai cambiato vestitino al tuo blog, è bellissimo!
    Ciao Maria Grazia, a presto.

    RispondiElimina
  2. Che buon piatto... molto gustoso e con una bella presentazione !

    RispondiElimina
  3. ahahahahah!!! anche tu...che vai a nascondere le camicie sempre nello stesso posto...! ;-))) Che delizia questa pasta al forno e quel piatto a forma di fiore sembra proprio nato per ospitare questi straordinari paccheri gratinati! Bravissima. Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E già. Confondo le idee :D
      Grazie mille, dolcissima Riccia :)
      Un bacio grande anche a te!

      Elimina
  4. Cara Maria Grazia, non ne ho mai assaggiati, paccheri così fatti ma credo che siano molto buoni. Ciao e buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo ti piacerebbero molto, Tomaso. Grazie mille e buon mercoledì sera!

      Elimina
  5. Pastara a rapporto. Mangio e svengo da tanto deve essere buona. Passo e chiudo.
    Un abbraccio, cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bentornata Pastara :) Io sono svenuta decine di volte alla vista delle tue opere d'arte culinaria. Pertanto, mi sento onorata dal tuo giudizio.
      Un abbraccio grandissimo a te, Lorendana e grazie!

      Elimina
  6. Che eleganza!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Che delizia!!! Anche io stasera pasta ripiena al forno!! Fa così primavera con gli aparagi e i gamberi!! Hai fatto bene Mary, per una teglia così golosa c'è bisogno di calma e relax!! Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  8. ME NE MANGEREI UN BEL PIATTO PROPRIO ORA ANCHE SE HO APPENA CENATO, TROPPO BUONO!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  9. Ti ruberei al volo quella teglia di gustosissimi paccheri, che meraviglia, è un piatto davvero molto invitante!!! bravaaaa!!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  10. Tempo per cucinare con piacere e fotografare con calma .... un miraggio :-)
    I paccheri sono davvero fantastici, golosissimi, da assaggiare all'istante :-)
    La presentazione è bellissima, complimenti!
    Ciao, a presto ....

    RispondiElimina
  11. che ricetta meravigliosa: troppo invitanti e goduriosi i tuoi paccheri : ripieni con i formaggi che adoro,sono sicuramente di una bontà unica, bravissima come sempre Maria Grazia, ti faccio i miei migliori e più sinceri complimenti:))
    Un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  12. Questo è un piatto al quale non puoi assolutamente dire di no
    Bellissimo e così goloso
    Brava Maria Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre tanto carina, Tiziana! Grazie mille!!!

      Elimina
  13. Approvo la tua decisione a vita!!!!!!! :D Che bella coccola ti sei concessa. Guarda qui che meraviglia di sapori e che piatto invitante. Sei sempre meravigliosa, mia dolce MG!!!
    Un abbraccio grandissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie, Stellina!!! Riempi sempre il mio cuore di gioia! Grazie millemila!
      Un abbraccio grandissimo a te!

      Elimina
  14. Ma che belli così farciti.. si presentano molto bene.. E poi che bontà il ripieno!!!!! smackkk

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Claudia!!! Un bacio grande a te!

      Elimina
  15. Buoniiii e che a me o riescono scotti o troppo crudi ma ci voglio riprovare buonooooo.
    A me cucinare non rilassa nel verosignificato della parola, quando lo faccio in occasione di amici o parte della famiglia (per noi 2 NO) mi diverte cucinare perchè qualsiasi ricetta io la devo "aggiustare" a modo mio e questo mi piace.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire che sono sempre un po' in tensione riguardo alla cottura della pasta che è poi destinata a gratinare in forno, Edvige. Ma se mi concentro e non ho brusii intorno, il lavoro va sempre a buon fine :)
      Grazie mille!!! Buon pomeriggio!

      Elimina
    2. ahahaha scusa se replico, ma di brusiii sento solo il brontolare delle stomaco di maritozzo che dice alla triestina.. se magna... si mangia!!!
      Lui adora la pasta da buon figlio di napoletano io invece non tanto ma provengo da tutt'altra origine (risatina). Quando cucino per il nostro amico di famiglia che vive a Venezia oppure per la tribù di 3 persone in cucina non si azzardano manco a mettere il naso...istruiti bene ehh: Ciaooo ti aspetto a Trieste per il "rodolette de persuto" ciaoooo

      Elimina
  16. Bravissima!!! Sono da provare. Un abbraccio Melania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Melania! Un abbraccio grande anche a te!

      Elimina
  17. Immagino il gusto di questi meravigliosi paccheri . . . ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Mariagrazia! Buon pomeriggio!

      Elimina
  18. mamma mia che pranzetto, super succulento, gamberi e asparagi stanno benissimo insieme, e son ottimi! un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che tu abbia gradito, Lilli! Grazie!!!

      Elimina
  19. Ahah ti capisco. Quelle rare volte in cui sono sola in casa, adoro pasticciare in cucina, libera da domande sul "cosa stai facendo" e "perchè" :P Questa teglia di paccheri è troppo, troppo, invitante... posso venire a trovarti??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per cucinare ci vuole concentrazione e silenzio. Quindi... :)
      Grazie mille, Claudia! E puoi venire quando vuoi!

      Elimina
  20. ma che meraviglia questo piatto!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!così appetitosi!!!!!!!!!!!me la segno
    bacio cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Azzurra! Sei carinissima! Un bacio anche a te e buon pomeriggio!

      Elimina
  21. hai realizzato un piatto molto ricco e raffinato e si cucinare rilassa e fa stare bene, una filosofia che mi piace

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una scuola di pensiero che ci trova un po' tutti d'accordo, Günther.
      Un caro saluto e grazie di cuore!

      Elimina
  22. Che acquolina!! Si vede che ti sei molto rilassata e divertita mentre li preparavi... Sono invitantissimi!
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero tanto, molto rilassata, Silvia :)
      Grazie di cuore e un bacio anche a te!

      Elimina
  23. non c'è niente che mi rilassi quanto cucinare,questo tuo primo piatto è altamente pericoloso(lo mangerei da sola tutto !), però anche masticare fa parte del rilassamento.....Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cooking therapy, ricordi, Chiara? :)
      Grazie mille e un bacio grande anche a te!

      Elimina
  24. un piatto spettacolare e gustosissimo!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Alice!
      Baci grandi anche a te!

      Elimina
  25. Come sono belli Maria Grazia.. al forno tutto acquista un gusto speciale, e poi con questi ingredienti chissà che successo! Come sempre bravissima :)

    RispondiElimina

Chiacchierare con voi è sempre una gioia.
Grazie per i pensieri ed il tempo che mi dedicate.
Mi dispiace, ma i commenti anonimi verranno eliminati.