venerdì 11 aprile 2014

Trecce con farina di segale, pomodorini secchi, pinoli e semi di lino. Si fa yoga!

E siamo a venerdì. E' stata una settimana un po' più impegnativa del consueto ed arricchita da una bella esperienza di cui vi parlerò presto (se avete piacere, ne ho già fatto cenno sulla pagina Facebook di Mary Grace :)
Con gioia ritorno qui con voi e colgo l'occasione anche per scusarmi per essere riuscita ultimamente, ad essere più presente anche nei vostri blog. Mi rifarò (e con piacere) molto presto!
Ma torniamo a bomba. Insomma, dopo giorni  frenetici che cosa poteva restituirmi un po' di rilassatezza e tranquillità? Penso che abbiate già intuito. Una sana, terapeutica panificazione, con un bel mix di farine! 
Non c'è nulla da fare... quasi meglio dello yoga! :)
Perché si corre, ci si affanna, ma quel momento estasiante in cui le mani vengono a contatto con l'impasto, è impagabile!

Buon fine settimana a tutti!

Maria Grazia




















Trecce con farina di segale,  pomodorini secchi, pinoli e semi di lino

Ingredienti

200 g di farina 1 macinata a pietra (Petra 1 Molino Quaglia)
135 g farina speciale per pizze e focacce (Petra 3 Molino Quaglia)
65 g di farina speciale per dolci bio
50 g di farina di riso impalpabile bio
50 g di farina di segale
25 g di lievito di birra fresco
1 cucchiaino di malto d'orzo
240 ml di latte scremato tiepido
60 mg di ricotta vaccina
9 pomodorini ciliegino secchi
20 g di pinoli
15 g di semi di lino
5 g di sale

In una tazza da latte, sciogliere il lievito in qualche cucchiaio di latte tiepido (prelevato dai 240 ml indicati). aggiungere qualche cucchiaio di farina 1 (anche questa prelevata dalla dose indicata in ricetta), il malto d'orzo, mescolare con cura e lasciare riposare in luogo tiepido per circa 30 minuti.
Miscelare e setacciare le farine ed introdurle nella ciotola della planetaria. Unire quindi anche il latte rimasto, la ricotta vaccina (entrambi a temperatura ambiente), il sale e l'impasto lievitato nella tazza. Unire i pomodorini secchi precedentemente tagliati grossolanamente, i semi di lino ed i pinoli (tritati anche questi in maniera grossolana). Impastare a velocità media fino ad ottenere un composto morbido, elastico ed omogeneo. Ungere leggermente una ciotola in plastica (preferibilmente), riporvi l'impasto, coprirlo con pellicola da cucina e lasciarlo riposare in luogo tiepido per 1 ora e mezza. Dopodiché dividere l'impasto in cordoncini che serviranno poi a dare forma alle trecce. Spennellarle con un po' di latte e lasciarle riposare ancora per circa 40'. Cuocere poi in forno preriscaldato a 200 ° per circa 25 minuti.





46 commenti:

  1. Che aspetto magnifico!! Sono davvero invitanti ^_^

    RispondiElimina
  2. E' vero cara, pasticciare in cucina è terapeutico anche più delle tecniche di rilassamento come lo yoga! E poi dopo essersi ristorati l'anima si coccola anche il corpo con un bell'assaggio delle tue bontà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Luna,
      per quanto mi riguarda,
      bisognerebbe panificare almeno due volte al giorno :D
      Grazie e buon fine settimana!

      Elimina
  3. O_O il profumo mi ha portato fin qui!!! buoneeeeeeeeee! buon we <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È quello che volevo, Federica! :D
      Grazie!!!

      Elimina
  4. Son curiosa della tua esperienza.. non aspettare troppo a raccontarcela :-P.. Buonisime e belle le tue trecce.. amo i mix di farine.. Un baciotto e buon w.e.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tempo di riordinare le idee, invitare i DUE bimbi a fare una passeggiatina :D e inizierò il mio racconto, Claudia. Grazie!
      Bacio grande e buon w-end!

      Elimina
  5. Quanto ti capisco..impastare è troppo terapeutico e fa tornare subito il sorriso :-D Il profumo di queste trecce deve essere strepitoso..posso assaggiare???
    Buon we cara <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente sì, zietta! :D Magari potessi averti alla mia tavola! Sulle proprietà terapeutiche della panificazione, per la milionesima volta confermo. A volte mi ritrovo stampato sul viso quel sorrisino da prima cotta adolescenziale :D
      Un bacio grande, zia Consu e grazie!!! Buon sabato sera e felice domenica!

      Elimina
  6. Ottime queste trecce, hanno un aspetto meraviglioso :)
    Un bacio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Valeria!!!
      Buon fine settimana!

      Elimina
  7. Quanto mi piace la terapia del pane!!!!!!!!

    E queste trecce con il mix di farina mi sembrano stra-buone:)))
    Grazie per averle condivise e... bentornata!!!

    Un bacio e buon we anche qui! :***
    A presto ;)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irrinunciabile terapia, Maria Teresa! :)
      Grazie di cuore!!! A presto e buon sabato sera!

      Elimina
  8. Panificare mi rilassa e mangiare il pane dopo mi stressa perché non riesco a fermarmi, con buona pace della dieta :-)
    Bella la tua esperienza, già è fantastico andarci, e purtroppo ci sono stata una volta sola, ma quello che hai fatto tu è super! Raccontaci presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non parliamo di quando il pane è appena sfornato, si è in cucina per preparare pranzo o cena e si continua a spiluccare senza ritegno :D
      Vi racconterò al più presto, Valentina. Il tempo di raccogliere i momenti vissuti e vi renderò partecipi di quella magnifica giornata. Grazie!!!

      Elimina
  9. Risposte
    1. Grazie, Annalisa!!! Buon sabato sera!

      Elimina
  10. Ottime queste trecce con la farina di segale...brava M.Grazia!!!
    Bacioni, buon fine settimana...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice ti siano piaciute, Ely! Grazie!!!
      Un bacio e buon sabato sera!

      Elimina
  11. Sono stupende le tue treccine!!! Le voglio provare, ho giusto della farina di segale e dei pomodorini... buooooooneeee! Brava Nary! Buon weekend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho osato anche un po' di ricotta nell'impasto :)
      Sono davvero morbidissime, Erica. Sono certa ne sarai entusiasta!
      Un abbraccio grande e grazie di cuore!

      Elimina
  12. Belleeee!! Io alla treccia non ci sono ancora arrivata, per ora mi limito alle pagnotte e ai filoni!! Queste sono meravigliose, hai ragione, impastare è davvero un relax incredibile!!
    Buon fine settimana!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io adoro le tue pagnotte ed i tuoi filoni!!!
      Ahahahaha! Qui sta diventando una Bread Therapy di gruppo! :)
      Buon weekend anche a te, Silvietta!

      Elimina
  13. Sono bellissime le tue treccine Maria Grazia!! Dev'essere proprio bella questa terapia rilassante della panificazione...e beato che gode poi dei risultati!! Un abbraccio carissima e buon weekend, Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio piacevole fare il pane, Mary. Il punto è che poi si esagera nella degustazione :)
      Un grandissimo abbraccio anche a te e buona domenica!

      Elimina
  14. Risposte
    1. Grazie, Carla! Sei sempre dolcissima.
      Un abbraccio grandissimo e a presto!

      Elimina
  15. Deve essere stato bello al vinitaly!!! E questo pane? rilassante e interessante, molto!!! bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Marina. E' stata una straordinaria esperienza :)
      Te ne parlerò presto!
      Grazie infinite!!!

      Elimina
  16. Cara Maria Grazia, sei una maga nella panificazione, sforni sempre prelibatezze:)) e le tue treccine sono sfizisissime, troppo invitanti e mi sta venendo voglia di assaggiarle, devono essere di sicuro buonissime:)) bravissima come sempre, complimenti:)
    un bacione e buon fine settimana:)
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura una maga, Rosy? :)
      No, sei davvero troppo buona ed il tuo affetto mi scalda il cuore!
      Un abbraccio grandissimo e grazie mille!!!
      Buona serata e felice domenica!

      Elimina
  17. Queste treccinee devono essere squisite, il risultato della "terapia "è senz'altro ottimo!
    Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Gabry!!! troppo buona!
      Un abbraccio e buona serata!

      Elimina
  18. Fantastiche le tue treccine.... mi piacciono tantissimo le tue preparazioni... sei veramente brava! Un bascione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che onore, Patty! Grazie!!!
      Sei troppo buona! Un bascione anche a te! :D

      Elimina
  19. Ma che belle trecce!!!! Mi piacciono da morire!!! Brava Mary, però se eravamo più vicine ti avrei trascinato a un corso di Yoga con me (ho sempre sognato di frequentarne uno) penso che ci saremmo divertite come matte!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, tesoro! Io dovrei frequentare almeno un paio di corsi di yoga... e altrettanti di training autogeno :D
      Comunque, sono d'accordo con te. Ci divertiremmo un mondo!!! Grazie, Simona!!!

      Elimina
  20. delle trecce golose e anche molto profumate

    RispondiElimina
  21. Ma che carine e che buone devon essere MG!!!! :-))
    Bravissima,sempre tanta fantasia nelle tue ricette!!!
    Felice domenica delle Palme bacio

    RispondiElimina
  22. Che buon pane hai preparato, Maria Grazia, ed è anche tanto bello! Sono stata a vedere "Oscura immensità" con Giulio Scarpati, proprio un grande spettacolo, anche se difficile e di quelli che ti scavano dentro. Buona settimana, bacione

    RispondiElimina
  23. Come vedi anche io non scherzo. I miei tempi di reazione sono imperdonabili :(
    Favolosa proposta: sai quanto adori questi mix di farine e poi trovo che abbia reso goloso e saporito questo impasto soffice e fragrante come solo la mia MG sa fare.
    i stritolo d'affetto mia dolce stella. Buon inizio di settimana.

    RispondiElimina
  24. Tesorino, allora come dovrebbero essere i tempi di reazione della tua attempata MG? :D
    Non preoccuparti! <3
    E grazie di essere sempre e comunque nei dintorni del mio cuoricino :)
    Baci!!!

    RispondiElimina
  25. Questa treccia che hai preparato con un mix di farine incredibile, è molto molto invitante :)
    Bravissima e un bacio

    RispondiElimina

Chiacchierare con voi è sempre una gioia.
Grazie per i pensieri ed il tempo che mi dedicate.
Mi dispiace, ma i commenti anonimi verranno eliminati.