domenica 14 luglio 2013

Scaloppine di tacchino in agrodolce. Piatto unico e sconfitta finale

Da un po' di tempo il mio "cruccio culinario" è diventata la cena. Che è anche motivo di blande e pacifiche dispute famigliari: io sostengo la praticità, ma soprattutto il vantaggio per la salute, di un primo piatto o di un secondo (che qualche volta può anche non essere una bomba calorica!) accompagnato eventualmente da un panino, un contorno di verdure piuttosto abbondante, seguito da una salutare ed abbondante porzione di frutta. Da queste parti, altre scuole di pensiero, sostengono con forza la corrente del "non torno per pranzo, mangio fuori un pasto veloce (non viene menzionato il termine "leggero", per cui conoscendo i miei polli...),  quindi ritengo che sia bene che io la sera mi mangi pure il tavolo"...
Alla fine, riesco ad arrivare ad un compromesso che talvolta prevede un contorno sfizioso (come patatine fritte homemade), riuscendo così ad imporre pacatamente la mia teoria. Salvo realizzare che, le ormai a voi note razzie notturne in cucina, siglano inesorabilmente la mia sconfitta...










Scaloppine di tacchino in agrodolce
(dalla raccolta dei miei vecchi appunti)

Ingredienti

400 g di fesa di tacchino a fette leggermente battute
3 cucchiai di miele
2 cucchiai di aceto bianco
8 prugne molto dolci
40 g di mandorle pelate
30 g di burro
2 cucchiai di olio evo
sale

Scaldare l'olio in una padella antiaderente insieme al burro. Unire le fette di carne e farle colorire da entrambe le parti. Lavare le prugne, asciugarle e tagliarle a metà per snocciolarle. Ridurre le mandorle a lamelle e tostarle leggermente. Togliere le fette di tacchino ben dorate dalla padella, tenerle da parte e versare nel loro fondo di cottura l'aceto ed il miele.
Aggiungere due cucchiai di acqua, abbassare il fuoco al minimo e cuocere per qualche minuto, mescolando e lasciando addensare leggermente il fondo. Rimettere in padella le fette di tacchino e. a fuoco basso, rigirarle nel sughetto. Insaporire con una presa di sale, poi aggiungere le prugne e le mandorle. Cuocere tutto insieme per qualche minuto, poi trasferire carne e frutta su un piatto da portata scaldato. Irrorarle con il fondo di cottura e servire subito.

39 commenti:

  1. Come ti capisco...ah come ti capisco!! Questo piatto unico é molto invitante e mi incuriosisce molto, baci :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rosalba, bisogna batterli sul tempo questi topini della cucina :) Io non ci riesco mai, anche perché non me lo dice proprio il cuore di alzarmi la notte. Come ci riescano loro, proprio non lo comprendo :)
      Grazie infinite! Baci!!!

      Elimina
  2. Maria Grazia questo tacchino è la fine del mondo!!!! Mi piace il sapore agrodolce che gli hai dato.... credo sia una carne che si presta molto!! Ovvio che poi la notte ti spazzolano via tutto, ahahahahahah!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Erica! Un altro reperto dei primissimi tentativi in cucina :)
      Ah, cara Erica, ormai, per quanto riguarda i pasti notturni, ho alzato bandiera bianca :)
      Un abbraccio grande

      Elimina
  3. Bel piatto complimenti, ma quale sconfitta si vede che ne avevi bisogno, anche io la sera mangio yogurt poi prima di andare a dormire mi strafogo di patatine o altro ...... Va bene così alla dieta ci pensiamo domani !!!!!!
    Buona serata e un bacione :))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Nadia, sei davvero gentile.
      Anche io sono una buona forchetta ma qui è qualcun altro che assalta la cucina nelle ore notturne. Io, almeno fino ad ora, riesco a mantenere un certo autocontrollo :)
      Un abbraccio e grazie infinite!

      Elimina
  4. La regola vorrebbe che a cena ci si tenga più leggeri, si dorme anche meglio!
    Anche io sono una fan del piatto unico seguito da un bel po' di frutta!
    Con un piatto così ci farei una bella cenetta comunque :)
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sagge parole, Valeria! Solo mangiare pizza o focaccia a cena, a volte mi fa fare certi incubi! :) Quindi assolutamente piatto unico e frutta a volontà!
      Grazie di cuore e a presto!

      Elimina
  5. No dai non darti x sconfitta :-(
    Questo piatto mi sembra un giusto compromesso! Complimenti anche x l'originalità degli abbinamenti!
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, carissima Consuelo. Dalla raccolta di vecchie ricette recentemente ritrovata.
      Per quanto riguarda gli assalti in cucina, diciamo che mi sono semplicemente arresa...:)
      Bacioni, zia Consu!

      Elimina
  6. Ciao, anche noi ci aggiungiamo alle tue lettrici con piacere.
    Deliziosa questa ricetta, adoro gli accostamenti insoliti !!.
    A presto.

    vale e sabri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite, Valentina e Sabrina!!! Ne sono davvero felice!
      Grazie ancora e a prestissimo!

      Elimina
  7. Ma che bel piatto, strano e invitante!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Silvia!!! Non ero molto ottimista sul risultato finale, ma devo dire che è molto gustoso-
      Un abbraccio e a presto

      Elimina
  8. ....beh i tuoi polli li conosci bene allora...per un piattino cosi' dopo dovrebbero almeno lavare i piati e farti il caffe'' eh...! buonissimissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lavare i piatti? Forse un tempo, Annalisa! Per il momento ancora il caffè regge :)
      Grazieee!!!

      Elimina
  9. Anch'io sono per il primo o per il secondo e tanta verdura :)
    Questa ricetta è davvero stuzzicante, bravissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono assolutamente d'accordo con te, Daniela! Una cena leggera è una saggia e sana abitudine.
      Ti ringrazio di cuore!
      Un grande abbraccio

      Elimina
  10. Questa ricetta mi ispira tantissimo...la carne con il miele e l'aceto la trovo davvero gustosa! Cara Maria Grazia, questa te la rubo e la rifaccio alla prima occasione!!! Buona giornata e buon inizio di settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che di primo acchito, non ero molto convinta di questo piatto.. Ma dopo averlo cucinato, ho cambiato nettamente idea.
      Grazie infinite, Simona e a presto!

      Elimina
  11. Sono d'accordo con te per il piatto unico e non troppo pesante, le scaloppine che hai preparato trovo che sia una ottima soluzione!!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, Flora. Una cena leggera è assolutamente consigliabile. Il sonno notturno, oltretutto, ne ha davvero giovamento.
      Grazie mille!!!
      A presto!

      Elimina
  12. Mamma mia quanto devono essere golose queste scaloppine! Saio ed il mio compagno abbiamo la fortuna di poter mangiare a casa sia a pranzo che a cena (grazie ai nostri orari di lavoro) per cui a pranzo preparo sempre e solo un primo piatto e mangiamo la frutta dopo. Mentre per cena sempre un secondo piatto con contorno di verdure ortaggi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima, Luna! Un regime alimentare perfetto! Assolutamente d'accordo con te. Riuscissi a convincere qualcun altro...:)
      Grazie infinite e a presto!
      Baci

      Elimina
  13. Buonissime le tue scaloppine.. adoro il gusto agrodolce.. smack e buon lunedì :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Claudia!!! E' un periodo che nei miei esperimentini miele e aceto la fanno da padroni :)
      Da quando ho scoperto il sapore molto particolare cui da' vita il loro abbinamento, non riesco a fare a meno di utilizzarlo spesso-
      Baci!!!

      Elimina
  14. che buone le scaloppine,queste sono proprio stuzzicandi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Licia!!! E pensare che l'ingrediente prugna mi aveva lasciata un po' perplessa!
      Un abbraccio, carissima e buon proseguimento di giornata!

      Elimina
  15. mi piace questo abbinamento con le prugne fresche.. di solito uso quelle secche.. brava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Debora! Anche io non avevo mai usato le prugne fresche, ma mi hanno davvero stupita.
      Grazie infinite!
      Un abbraccio grande e buon pomeriggio!

      Elimina
  16. Un piatto molto gustoso e originale!!!! Prendo nota, complimenti!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Paola! A volte si recuperano certe ricette che chissà perché si erano accantonate!
      Un bacio grande e a presto!

      Elimina
  17. Non è sempre facile stare a dieta (parlo almeno per me)...ma forse non è il momento, magari da domani si può riprovare...
    Intanto che mi sto ancora scrivendo la ricetta della tua torta soffice, se tu hai 2 minuti passa a trovarmi che ti ho lascaito un pensierino per le vacanze!!!
    Un abbracciotto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite, Mila! Sei stata davvero tanto gentile!
      Ma sì...ad un rigido regime dietetico ci penseremo un altro giorno! :)
      Bacioni!

      Elimina
  18. Ahahahahah quanto ti capisco! Io sono quella che durante il giorno non mangerebbe mai ma la sera e la notte farei fuori vagonate di cibo! Ottime queste scaloppine in agrodolce con le patatine home made, hanno veramente un aspetto invitante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Laura, qui da noi la situazione è questa: il topino junior per il momento promette bene. Per quanto riguarda il senior, ormai è una partita persa :)
      Grazie infinite!!
      Un abbraccio

      Elimina
  19. Ciao carissima,come stai??? :-)
    Questa ricettina è davvero molto molto interessante sai...tutti questi aromi e sapori che fanno contrasto e si sposano a meraviglia,sei bravissima!!!! ;-)
    Un abbraccio a risentirci

    Daiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Daiana! Grazie infinite! Sto bene, a parte il caldo ovviamente :)
      Ho ritrovato recentemente questa ricetta e ne sono rimasta conquistata!
      Grazie ancora e a presto!
      Un abbraccio grande

      Elimina
  20. colpa dei frigoriferi che chiamano di notte le sconfitte ^_^ ottimo questo piatto cercavo qualche idea per il tacchino, mi ti ruberò ;)

    RispondiElimina

Chiacchierare con voi è sempre una gioia.
Grazie per i pensieri ed il tempo che mi dedicate.
Mi dispiace, ma i commenti anonimi verranno eliminati.