lunedì 12 ottobre 2015

Zuppa d'Orzo con Tirtlan Leggeri alla Farina d'Orzo. Comfort food, comfort place.

Non inizierò questo post tediandovi ancora una volta con il mio profondo ed imperituro amore per la montagna e della malinconia che mi pervade ogni qualvolta penso alle mie amate cime dolomitiche. Le Conturines, il Sassongher, il Sas Ciampac...ops! Credo di averlo appena fatto.
Mi faccio immediatamente perdonare, trasformando la mia forse stucchevole nostalgia in materia gastronomicamente interessante.
Eccomi quindi pronta con uno dei piatti principe della cucina sudtirolese. Vi ho preparato la zuppa d'orzo, piatto meraviglioso che gusto molto spesso pranzando nei rifugi dell'Alto Adige. 
Ritemprante dopo un'escursione inaspettatamente interrotta da un temporale o in quelle giornate che si presentano uggiose già dal primo mattino e che costringono a rinunciare alla camminata quotidiana.
Va da sé che, in previsione della consueta, luculliana cena in hotel, è bene tenersi leggeri con una deliziosa minestra calda e delicata alla quale lo speck, con il suo inconfondibile sapore affumicato, conferisce una nota stuzzicante. 
Per completare il pasto, è tradizione accompagnare la zuppa d'orzo con i Tirtlan (in Alta Badia prendono il nome di Turtres), le tipiche frittelle salate originarie della Val Pusteria, ripiene di ricotta e spinaci o crauti. 
E lì arriva il difficile. O meglio, l'impossibile. Riuscire a limitarsi ad una sola frittella :)

Buona settimana!

Maria Grazia

















Zuppa d'Orzo con Tirtlan Leggeri alla Farina d'Orzo.




Ingredienti per la Zuppa
(per due persone)

100 g di orzo perlato Riso Gallo
1 grossa carota
1 gambo di sedano
1 porro
2 patate di media grandezza
100 g di speck Alto Adige IGP
erba cipollina fresca o semi di finocchietto selvatico
una noce di burro (oppure 2 cucchiai di olio extravergine di oliva)
brodo vegetale caldo (preparato con sedano, carota, una piccola cipolla ed una foglia di alloro)
sale



Ingredienti per i Tirtlan leggeri

75 g di farina speciale per pizze e focacce macinata a pietra
50 g di farina d'orzo macinata a pietra
60 ml di acqua tiepida
1 cucchiaio di olio extravergine 
120 g di ricotta magra asciutta
30 g di gherigli di noci tritati







La Zuppa d'Orzo

Lavare la verdura e pelare le patate. In una casseruola di terracotta o in un tegame dal fondo antiaderente, soffriggere nel burro (o nell'olio extravergine di oliva) la carota ed il sedano tagliati a cubetti, la parte bianca del porro tagliata a fettine sottilissime. Unire le patate tagliate a dadini, aggiungere un mestolino di brodo vegetale, se occorre. 
Quando le patate saranno tenere, versare l'orzo, rosolarlo per qualche istante e bagnare con il brodo vegetale tenuto al caldo. 
Cuocere il cereale per il tempo necessario (l'Orzo Riso Gallo cuoce in circa 16-18 minuti), salare poco, spegnere il fuoco ed aggiungere lo speck tagliato a striscioline, che si cuocerà appena e rimarrà morbido.
Distribuire la zuppa in scodelline monoporzione, tagliare l'erba cipollina e spargerla sulla zuppa.


I Tirtlan

Nella ciotola della planetaria inserire le farine precedentemente miscelate e setacciate, l'acqua tiepida, l'olio extravergine di oliva ed il sale. Impastare a velocità minima fino a che non si sarà ottenuto un composto liscio ed omogeneo. 
Lasciarlo riposare per circa un quarto d'ora e, nel frattempo, preparare il ripieno lavorando la ricotta a crema con l'ausilio di poco latte, unendo le noci tritate grossolanamente ed un pizzico di sale. 
Tirare la pasta in una sfoglia piuttosto sottile e ritagliare, con l'ausilio di una rotella dentellata, dei dischi della dimensione del piattino di una tazza da te. 
Distribuire il ripieno al centro di un disco, coprirlo con un altro premendo bene i bordi, in modo che la farcitura non fuoriesca durante la cottura. 
Friggere i Tirtlan fino a doratura, scolarli su carta da cucina ed accompagnarli alla zuppa d'orzo.


La ricetta originale dei Tirtlan  prevede l'impiego di uova e latte nell'impasto. 
Io ho scelto una versione più leggera, ispirata alla sfoglia della focaccia con il formaggio.
Il ripieno, di norma, è costituito da ricotta e spinaci, crauti e mele, ricotta e patate con erba cipollina.
Nell'impasto ho utilizzato anche la farina d'orzo che amo moltissimo per l'aroma rustico che conferisce alla sfoglia e che rimanda davvero ai profumi della montagna.













28 commenti:

  1. anche se mi piace molto la zuppa d'orzo, stavolta la lascio a te e io mi prendo i tirtlan, che bonta'!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va benissimo, Sabrina! Ci sto :)
      Grazie e baci anche a te!

      Elimina
  2. Cara Maria Grazia, se sono esperimenti, io potrei essere quello che li assaggia:)
    Parte gli scherzi, complimenti anche della bella foto delle dolomiti dorate.
    Ciao e buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso, davanti ad una immagine delle splendide Dolomiti, immancabile scende la lacrimuccia. Per quanto riguarda gli assaggi, sarebbe per me un onore sottoporre al tuo giudizio i miei esperimenti.
      Un caro abbraccio. È davvero una gioia rileggerti.

      Elimina
  3. Cara Maria Grazia, innanzitutto complimenti per la bellissima foto con le Dolomiti: sono luoghi in cui non sono mai stata e che mi affascinano tantissimo:)).
    I miei migliori complimenti inoltre sia per la zuppa (che proverò sicuramente quest' Inverno in quanto trovo sfiziosa e gustosissima) che per i tirtlan che non conoscevo
    assolutamente ma dei quali immagino la bontà, sono troppo invitanti:))bravissima
    come sempre:))
    un bacione e buona settimana:))
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono certa che ameresti all'istante quei luoghi magnifici, cara Rosy. E non trascurerei il fattore temperature. D'estate, davvero freschissime! :)
      Grazie di cuore, dolce amica mia. Sei un tesoro prezioso.

      Elimina
  4. Urka, Maria Grazia!
    Mi hai fatto ricordare che tra le tante cose buone che ho mangiato in Alto Adige i tirtlan li ho saltati!
    Giammai!!
    Rimedierò al più presto seguendo la tua magnifica ricetta:)
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E no. I Tirtlan non si possono saltare. Per punizione, se mai avrò la fortuna di sedermi a tavola con te, magari in una tipica baita, le frittelle toccheranno solo a me :)
      Grazie mille, Silvia! Sei sempre un tesoro <3

      Elimina
  5. Maria Grazia, quanto capisco il tuo amore per la montagna...Certo, io non vivo nelle meravigliose Dolomiti, ma sono altrettanto innamorata delle mie montagne abruzzesi, delle splendide valli, Roveto e Nerfa, che circondano il mio paese...Spesso, mi guardo intorno e penso che tutta questa bellezza deve avere un senso e altre volte questo mi basta per liberarmi, anche se momentaneamente, dalle mie preoccupazioni. Mi piacerebbe un giorno visitare le Dolomiti, dev'essere un po' come toccare il cielo con un dito! La tua zuppa è strepitosa, confortante e invitante...e penso che sia proprio difficile accontentarsi di una sola frittella! Ti abbraccio forte amica cara e credimi, ti penso spesso...Dolce notte, Mary

    RispondiElimina
  6. Meravigliosa la tua zuppa! Dei tirtlan non aveve mai sentito parlare... ebbene, è stato amore a prima vista, li assaggerò presto! ;)
    A presto, baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti conquisteranno, Letissia. Semplici e sfiziosissimi! Grazie mille! Baci anche a te!

      Elimina
  7. Che spettacolo!!!! anche io sono andata di zuppa di cereali ieri sera.. Mi piace molto la tua versione.. un baciottone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le temperature non sono ancora propriamente autunnali, ma le giornate uggiose sì. La stagione delle zuppe di cereali è ufficialmente aperta :)
      Grazie, Claudia!!! Un bacio grande a te!

      Elimina
  8. Oh, che meraviglia di piatti, come non innamorarsi di loro e sopratutto dei luoghi che li trovi. Non ho mai sentito parlare di questi tirtlan, ma come ripieno mi è noto. Immagino quanto sono buoni e poi, la zuppetta è molto invitante !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luoghi che mi hanno rubato il cuore da tempo, Claudia. Ed ho idea che non lo avrò più indietro :)
      Grazie di cuore e buon pomeriggio!

      Elimina
  9. non so da dove cominciare gli assaggi, entrambe ottime preparazioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Susanna! Un caro abbraccio e serena notte!

      Elimina
  10. Uniamo la nostra malinconia! Anche a me mancano tantissimo le mie montagne, e il mio tirolo e questa zupppa mi ricorda le sere d'inverno passate accanto al camino :) Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi conosci bene, cara Laura, lo struggente sentimento che riesce a suscitare la montagna. Conosco bene il tuo amore per il Tirolo. Come non comprenderti! Grazie mille!

      Elimina
  11. I luoghi in cui trascorrono le vacanze mia sorella con la famiglia e, in questi ultimi due anni, anche mio figlio. I tirtlan sono i preferiti del mio "pargolo", io prenderei volentieri la zuppa d'orzo :)
    Bravissima!
    Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io prenderei tutti e due, Daniela :) E sono certa che apprezzeresti moltissimo anche i tirtlan :)
      Grazie di cuore e buona serata! Un bacio grande a te!

      Elimina
  12. Che atmosfera meravigliosa hai creato Mariagrazia... La montagna esercita un fascino incredibile, anche per una isolana come me! Ed amo sia i paesaggi sia il succulento cibo che si si può assaporare... grazie per aver condiviso tutto questo con noi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io parlo sempre (forse troppe volte) del rassicurante abbraccio delle Dolomiti. E' incredibile come io senta miei quei luoghi, quasi come se ci fossi nata.
      Grazie mille, Annalisa. Sei sempre deliziosa.

      Elimina
  13. Siamo stati in vacanza in Val Gardena quest'anno e ho adorato tutto dalla prima all'ultima virgola di quel mondo meraviglioso per cui parlaci pure della montagna :) Che buona questa zuppa, adoro l'autunno ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco bene la passione che hai per le splendide Dolomiti, Luna. Passione che condividiamo :)
      Grazie mille!!!

      Elimina
  14. Calda e corroborante, una deliziosa zuppa, perfetta per queste fresche serate!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Simona! Un caro abbraccio e buona serata!

      Elimina

Chiacchierare con voi è sempre una gioia.
Grazie per i pensieri ed il tempo che mi dedicate.
Mi dispiace, ma i commenti anonimi verranno eliminati.