giovedì 2 gennaio 2014

Cappon Magro, il mio PRIMO Cappon Magro!

Non posso che iniziare la cronaca dei banchetti di fine e inizio anno con Lui, causa di un travaglio lungo una giornata.
Ore da brivido iniziate con lavaggio, cottura, riduzione a cubetti delle verdure, preparazione del prezzemolo (un mazzo di dimensioni scoraggianti) destinato alla realizzazione della salsa verde, cottura del pesce e così via.
Ma ciò che stava per mandare a monte un progetto rimandato per anni, è stata la inaspettatamente non facile reperibilità, almeno nelle vicinanze di casa, delle Gallette del Marinaio, un tipico prodotto da forno irrinunciabile per la preparazione di questo elaborato piatto della tradizione ligure.
Quanto mi sarebbe piaciuto prepararle da me, ma il momento non sarebbe stato proprio quello giusto: con la preparazione incombente di tutte le altre portate e lei, La Precisina che ormai ben conoscete, sempre in agguato...beh, impossibile!
Così, all'ultimo momento,  ho iniziato a vagare da un panificio all'altro.
La risposta era sempre picche e lo sguardo, eloquente e lievemente ironico, sempre quello: "Beh, poteva aspettare ancora un po'..."
Dopo lungo peregrinare, l'ordinazione ad un panificio della mia zona, ma con una bella sorpresa il giorno del ritiro.
Il 31 dicembre, infatti, mi sono state recapitate a casa dodici focaccine enormi e gonfie. Molto lontane, quindi, dalla classica galletta.
Strano ma vero, di fronte a questo non gradito malinteso, ho dimostrato un aplomb invidiabile.
Senza farmi scoraggiare dal piccolo contrattempo, ho riposto parte del pane in freezer e ho cercato di tagliare a fettine sottilissime i panini rimasti, in modo da adattarli all'impegnativa preparazione e, sul filo di lana, ho optato per una versione monoporzione, meno scenografica del classico Cappon Magro, ma ugualmente gustosa.

Maria Grazia





Cucina Ligure


Il Cappon Magro

Le origini del Cappun Magru vengono collocate in epoca ottocentesca, anche se esse non sono ben definite. Secondo alcune fonti, questa sontuosa espressione della cucina ligure deriverebbe da alcune preparazioni di bordo (le capponadde) che prevedevano l'utilizzo di avanzi della cucina (verdure lesse, panbiscotto o galletta bagnata nell'aceto e strizzata, pesce) e che permettevano al cuoco di non utilizzare stoviglie durante il rollio della nave.
Nel tempo e arricchendosi di ingredienti, questa preparazione originariamente povera, si è fatta opulenta e la sua presentazione è divenuta particolarmente scenografica. 




Il Mio Primo Cappon Magro



Ingredienti
(per sei persone)

3 piccole gallinelle di mare (pesce cappone) eviscerate e del peso totale di circa 1 kg
12 code di gambero 
12 gamberi viola
12 Gallette del Marinaio
120 g di fagiolini teneri
200 g di cavolfiore
1 gambo di sedano
2 patate
2 carote
1 barbabietola cotta di medie dimensioni
aceto di mele
olio extra vergine di oliva 
cipolla, gambo di sedano e carota per la cottura del pesce
sale

Salsa Verde

1 grosso mazzo di prezzemolo
50 g di pinoli
1 cucchiaio di capperi sotto sale
1 tuorlo sodo
2 filetti di acciuga sott'olio
1 spicchio d'aglio (io non l'ho messo)
pane secco
aceto di mele
olio extravergine di oliva


Porre le gallinelle in acqua fredda salata con la cipolla, la carota e il gambo di sedano.
Cuocerle quindici minuti a partire dall'ebollizione. Lasciare raffreddare i pesci nel loro brodo, dopodiché scolarle, sfilettarle e spezzettare i filetti.

Mondare le verdure e cuocerle al vapore (io ho cotto fagiolini, sedano, carote e patate insieme ed il cavolfiore in un secondo tempo).

Quando le verdure saranno cotte, tagliarle a dadini. Fare lo stesso con la barbabietola. 
Cuocere le code di gambero in acqua bollente per pochi minuti, sgusciarli


Preparazione della Salsa Verde


Mondare il prezzemolo e asciugarlo bene. Strizzare bene il pane precedentemente bagnato con l'aceto di mele. Unirlo nel mixer alle foglie di prezzemolo al tuorlo sodo, ai pinoli, ai capperi precedentemente sciacquati ed asciugati ed ai filetti di acciuga. Frullare bene ed aggiungere olio extravergine di oliva fino ad ottenere una salsa cremosa.


Assemblaggio del Cappon Magro

Condire insieme le verdure tagliate a dadini con olio, aceto e sale.
Spruzzare le Gallette del Marinaio con l'aceto, tagliandole prima a metà nel senso della lunghezza.

In un coppa-pasta del diametro di circa 7 cm introdurre la galletta e spalmarla con un velo di salsa verde.
Continuare con uno strato di verdure condite, con uno di pesce, aggiungere un gambero e terminare con un leggero strato di salsa verde.

Completare ogni porzione con un paio di olive taggiache sulla sommità ed con un gambero viola posto alla base.

Nota

Con queste dosi ho ottenuto 12 monoporzioni.

30 commenti:

  1. Caspita altro che laborioso!!!! Una giornata davvero intensa, direi ^_^ !!
    Mi pare che il risultato sia ottimo, no? che hanno detto i commensali (oltre a complimentarsi smodatamente, spero)??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Carla!!! Troppo gentile davvero! I commensali hanno apprezzato...se non lo avessero fatto, dopo l'estenuante fatica...poveri loro! :D
      Un abbraccio e ancora auguri!

      Elimina
  2. Bellissimo!! Brava mary, è davvero favoloso!!
    Complimenti, con un inizio così direi che l'anno culinario è partito alla grande!!
    Un bacione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei carinissima, Silvia! Ti ringrazio tantissimo! Sono abbastanza soddisfatta del risultato, anche se non so se ripeterò ancora questa esperienza :)
      Un bacio grande anche a te e ancora auguri!

      Elimina
  3. Evviva!!!! Un parto lungo ma la conclusione veramente felice e soddisfacente!!! non lo avevo mai visto da vicino nè l'ho assaggiato mai! Ma devo dirti che il risultato si fa di gran lunga apprezzare. Le tue fatiche sono state ben ricompensate! Ma qui nessuno aveva dubbi! Buon anno cara Maria Grazia spero che sia bellissimo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto sei gentile, Marina! Grazie!!! Sono soddisfatta ma, come sai, che fatica! E poi ne ho fatto in quantità industriale e l'ultima porzione è stata consumata oggi a pranzo. Diciamo che si può dire che ci siamo tolti la voglia! :D
      Grazie dei tuoi cari ed affettuosi auguri, Marina! Spero che anche per te il 2014 sia un anno meraviglioso!

      Elimina
  4. Che meraviglia! Sei stata davvero brava, tanta fatica ripagata da questo splendore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Chiara! Mi fai veramente felice! :)
      Fatica ripagata!
      Un abbraccio e ancora tanti auguri di buon anno!

      Elimina
  5. Foccalabindella tesoro mio!! A prova di cucina professionale! 12 monoporzioni non riuscirei a farle entrare neanche dal balcone, in casa mia, ahahahahahahahah.
    Grande, mi piace quando non ti scoraggi e trovi la soluzione per ogni cosa!! Bravissima, hai dimostrato volontà, tenacia e capabietà. E sono proprio le caratteristiche fondamentali per una donna speciale come te ; )
    Un mega abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e infatti la sera ero stremata!!! Grazie, tesoro. Tu mi sopravvaluti sempre, ma continua così :D
      Un abbraccio strettissimo. Dei nostri, ovviamente <3

      Elimina
  6. Bravissima l'ho mangiato (ma non fatto io) eforse una volta lo farò.....buon anno.

    RispondiElimina
  7. bravissima , hai fatto un ottimo lavoro..complimenti!
    ti auguro un buonissimo 2014...bacioni simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio tantissimo, Simona!!!
      Uno sfavillante 2014 anche a te!

      Elimina
  8. Una vera e propria avventura!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, Silvia! :)
      Benvenuta! Sono contenta di averti nel mio piccolo, grande mondo!
      Un abbraccio e auguri!

      Elimina
  9. Non conosco affatto la ricetta originale.. ma ho visto questo procedimento laborioso.. ma il risultato mi pace tantissimo! Nonostante il malinteso.. vedo che te lasei cavata alla grande! baci e buon w.e. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi che cosa vuol dire acquisire la calma e la saggezza della vetusta età....:D solo un paio di anni fa il panico si sarebbe impadronito di me e...si salvi chi può! :)
      Grazie, Claudia!!!
      Un abbraccio e buon weekend anche a te!

      Elimina
  10. Ciao Mary
    Buon Anno a te!!!
    Piatto delzioso, presentazione molto bella Complimenti.
    Thais

    RispondiElimina
  11. Complimenti! e che impiattamento!!!!buon 2014!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Annalisa!!! Auguroni per uno spumeggiante 2014 anche a te! :)

      Elimina
  12. Alla fine però è stata una soddisfazione, dopo tanto lavoro ( e peregrinare ...) un risultato eccezionale, complimenti!!! bravissima!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Anisja! Ce l'ho messa proprio tutta! :)
      Un abbraccio e buona domenica pomeriggio!

      Elimina
  13. ottimo risultato!
    bravissima :)
    bacio
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei gentilissima, Valentina! Grazie di cuore!
      Un abbraccio e buona domenica pomeriggio!

      Elimina
  14. Devo dire che il tuo primo cappon magro è venuto davvero bene :)
    Non è affatto una ricetta facile, complimenti :)
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Valeria! Sei molto carina. Credo che passeranno un bel po' di lustri prima che mi decida nuovamente ad impegnarmi in un'impresa...titanica ;)
      Baci e buona domenica!

      Elimina
  15. Ma quanto sei brava e' un piatto spettacolare !!!!!!
    Un abbraccio :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei troppo buona, Nadia! Grazie!!!
      un abbraccio grande anche a te! Buona domenica pomeriggio.

      Elimina

Chiacchierare con voi è sempre una gioia.
Grazie per i pensieri ed il tempo che mi dedicate.
Mi dispiace, i commenti anonimi verranno eliminati.