venerdì 21 dicembre 2018

Kaiserschmarrn. Merenda sotto l'Albero.

In montagna, è il mio piatto preferito dopo una lunga ed impegnativa escursione.
Meraviglioso soprattutto se preparato con uova freschissime ed accompagnato da composte di frutta fatte in casa, il Kaiserschmarrn è uno dei ricordi gustosi  di una terra che amo profondamente, il Trentino Alto Adige
In questi giorni dal clima tipicamente invernale, come spesso succede quando le temperature calano, sento l'esigenza di regalarmi preparazioni succulente e più corpose. Non quotidianamente, sia chiaro, ma in particolare in questo momento di frenesia natalizia che mi vede consumare più energia del solito.
Ieri, però, sono riuscita a ritagliare un momento tutto per me all'ora del tè e, cercando di trasferire un po' della magia dei luoghi montani e coccolata dalla sempre coinvolgente atmosfera creata dalle luci dell'Albero, mi sono dedicata alla preparazione del mio primo Kaiserschmarrn.
La ricetta è tratta da un numero di Sale & Pepe in parte dedicato alla cucina dell'Alto Adige.

Auguro a tutti voi che mi seguite con costante affetto, un felicissimo Natale ed uno sfavillante 2019.
E grazie, sempre, di cuore!

A presto,

Maria Grazia

  








Il Kaiserschmarrn o Kaiserschmarren

Dolce della tradizione austriaca, diffusissimo anche in Trentino Alto Adige, è in realtà spesso servito a colazione, a merenda o come sostanzioso, ritemprante piatto unico da gustare dopo un'impegnativa escursione in montagna o dopo una giornata trascorsa con gli sci ai piedi.
Il Kaiserschmarrn fu per molto tempo un piatto preparato dai contadini, dai pastori e dai malgari. Gli ingredienti erano latte, farina, uova e strutto.
Le prime tracce dell'esistenza di questa preparazione risalgono al sedicesimo secolo. Solo nell'Ottocento, la ricetta compare nella cucina dell'alta borghesia.
Diverse, però, sono le leggende riguardanti l'origine del Kaiserschmarrn. 
Secondo alcuni, la frittata venne servita all'Imperatore austriaco Franz Joseph durante una battuta di caccia, tanto che da un semplice Schmarren diventò il Kaiserschmarren (frittata dell'Imperatore).
Una seconda leggenda racconta che il cuoco di corte preparando un omelette fece un disastro al quale cercò di rimediare unendo agli straccetti di frittata quelli che sarebbero diventati poi gli ingredienti tradizionali del Kaiserschmarrn.
All'Imperatore (Kaiser) la frittata piacque a tal punto che pretese fosse inserita nel menu di corte.
Nacque così il Kaiserschmarren,  la Frittata dell'Imperatore.




Kaiserschmarrn



Ingredienti *
(per 4 persone)

6 uova freschissime
150 g di farina 1 macinata a pietra
200 ml di latte intero
20 g di zucchero a velo vanigliato
40 g di uvetta
40 g di zucchero semolato
zucchero a velo 
sale
composta di lamponi dell'Alto Adige con il 70% di frutta 
(o confettura a piacere)
burro

ricetta del Rifugio Kreuzwiesentratta dal numero di giugno 2017 di Sale & Pepe.



Far ammorbidire l'uvetta in una tazza d'acqua.

Setacciare la farina e versarla in una ciotola.Sgusciare le uova e separare i tuorli dagli albumi.

Versare il latte nella ciotola della farina, unire i tuorli e lo zucchero vanigliato. Mescolare fino ad ottenere una pastella liscia ed omogenea.

Montare a neve gli albumi insieme allo zucchero semolato e ad un pizzico di sale. Incorporarli alla pastella e miscelare delicatamente.

Ungere con una noce di burro una padella dal fondo antiaderente, versarvi il composto preparato, cospargere con l'uvetta strizzata, coprire e cuocere la frittata fino a quando si sarà rappresa.

Tagliare la frittata in quattro parti con l'ausilio di una spatola, girarle e proseguire la cottura fino a quando le frittatine saranno dorate. Sempre con l'aiuto della spatola, tagliarle a pezzetti, farle saltare per pochi secondi e trasferirle in un piatto da portata.

Cospargere di zucchero a velo.
Servire subito, accompagnando il Kaiserschmarrn con confettura di lamponi o con altra composta di frutta a piacere.



12 commenti:

  1. Mio marito mi ha mandato una foto con questa "merenda" dalla sua settimana sulla neve...ottimo dopo una piena attività fisica ^_* sarei curiosa di fare un assaggio piccino piccino :-P

    RispondiElimina
  2. Io proprio non riesco a fare un piccolo assaggio. È più forte di me, Consu 😊
    Mille baci, auguri a voi tutti ed un bacio speciale al Pulcino.
    MG

    RispondiElimina
  3. Deliziosi!!
    Merry Christmas Maria Grazia!! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Mi sembra super goloso... non conoscevo questa ricetta Maria Grazia, sono curiosissima! Adesso me la studio per bene :)
    Approfitto per augurarti uno splendido 2019.. abbracciandoti fortissimo

    RispondiElimina
  5. Io lo adoro, profuma delle mie montagne e hai proprio ragione tu, è perfetto come merenda sotto l'albero :) Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Profumi e sapori che ti rubano il cuore! Grazie, Laura! Un bacio a voi De Win e Buon Anno!

      Elimina
  6. Adoro le merende e questa proposta mi piace un sacco. Buon Anno!

    RispondiElimina
  7. buonissima, se ti va passa dal mio blog!

    RispondiElimina
  8. ma che bella e golosa merenda!! :P

    RispondiElimina

Chiacchierare con voi è sempre una gioia.
Grazie per i pensieri ed il tempo che mi dedicate.
Mi dispiace, i commenti anonimi verranno eliminati.