mercoledì 1 luglio 2020

Caponatina di Melanzane con Olive Taggiasche. Miss Aubergine is back!

La Caponata di Melanzane è una di quelle preparazioni che, in questo periodo, mi trovo costretta a produrre in quantità industriale. A Casa MG ne andiamo letteralmente pazzi e quando arriva la stagione di Miss Aubergine, la sua presenza in tavola è almeno bisettimanale. Ma, se vogliamo proprio dirla tutta, la Caponatina non è certo l'unico piatto con le gustose melanzane che viene richiesto con una certa impellenza.
Parmigiana allo Yogurt Greco e Pinoli, Melanzanine Ripiene alla Ligure, le Pizza Style e saporiti primi piatti come le Caserecce con Sugo di Melanzana o le Linguine al Cartoccio con Sugo di Palamita, sono i must, irrinunciabili, della nostra estate gourmand.
Se proprio devo fare una scelta, però, opto per lei, la variopinta e profumatissima Caponatina di Melanzane con Olive Taggiasche.

A presto!

Maria Grazia






La Caponata, una storia antica di profumi e sapori 

Sebbene la sua sia una storia antica, l'origine del nome della Caponata rimane incerta. 
Il termine potrebbe derivare da caupona, il nome con cui si definiva la taverna degli antichi romani nella quale veniva preparato un piatto semplice composto da verdure condite con olio e aceto. La melanzana, però, non era ancora conosciuta ed il sedano veniva raramente utilizzato in cucina. 
Durante la dominazione spagnola, la caponata divenne una preparazione riservata ai ceti abbienti. Veniva arricchita con varie tipologie di pesce, polpi, crostacei ed era priva di verdure. Il pesce maggiormente utilizzato era il capone e questa potrebbe essere un'altra delle ipotesi sull'origine del nome della caponata.
Per trovare le prime similitudini con la ricetta odierna, dobbiamo arrivare al 1873, quando il cuoco e letterato Ippolito Cavalcanti la inserì nel suo trattato "Cucina teorico-pratico col corrispondente riposto", anche se questa preparazione è ancora molto differente da quella attuale. L'unico elemento che accomuna le due versioni è la salsina agrodolce di accompagnamento.
Secondo l'autore, la caponata andava preparata con fette biscottate e bagnate con olio, aceto bianco, sale, pepe ed ulteriormente insaporita con erbe aromatiche, scarola e lattuga. Infine, secondo una ricetta più elaborata, andava unito pesce a piacere: alici, cefalo, merluzzo o sgombri (ma non il pesce capone).
Nella seconda metà dell'Ottocento, il vocabolario siciliano-italiano di Antonio Traina descrive la caponata come una preparazione nella quale viene utilizzato un particolare tipo di melanzana, carciofi e pesce.
Tornando all'origine del nome caponata, l'Atlante Linguistico della Sicilia ipotizza che la radice cap- faccia riferimento allo sminuzzare, tagliare le verdure.
La ricetta della caponata più conosciuta è quella palermitana, con melanzane tagliate a tocchetti uguali ed olive intere denocciolate e schiacciate. Anche la versione trapanese è molto diffusa e, fino a qualche decennio fa, era uso aggiungere anche le parti meno pregiate del tonno (Trapani è strettamente legata alla tradizione delle tonnare).
(altre informazioni su La millenaria storia della Caponata)




Caponatina di Melanzane 
con Olive Taggiasche


Ingredienti
(per 3 persone)

300 g di melanzane
100 g di pomodori datterini
30 g di Olive Taggiasche
1 cucchiaio abbondante di capperi sottaceto ben sgocciolati
1 cucchiaio di pinoli italiani
1 gambo di sedano
1 piccola carota
1 cucchiaio di aceto di mele
1 cucchiaio di zucchero di canna
2 cucchiai di olio extravergine di oliva della Riviera Ligure


Tagliare a fette non troppo sottili le melanzane e lasciarle, dopo averle salate, a perdere acqua per circa mezz'ora all'interno di un colapasta.

Tostare i pinoli in un padellino dal fondo antiaderente. Lavare le verdure e tagliare a cubetti melanzane, pomodorini, sedano e carota. 

In una padella dal fondo antiaderente ed in un cucchiaio di olio extravergine di oliva, saltare le verdure, ad eccezione dei pomodori datterini. Lasciare insaporire e cuocere fino a quando tutti gli ortaggi non saranno croccanti. 

Unire i capperi, le olive taggiasche ed i pomodorini, facendo cuocere per qualche minuto, aggiungendo, in ultimo, i pinoli tostati.

Nel frattempo, sciogliere a fuoco bassissimo lo zucchero di canna in un pentolino dal fondo antiaderente. Unire l'aceto di mele e mescolare fino ad ottenere una sorta di sciroppo.
Versarlo, infine, sulle verdure, mescolare e servire subito.





26 commenti:

  1. Voglio venire da te!!!! Come per i peperoni.. le melanzane non le compro perchè Riccardo non le digerisce.. ma io le amo! Che bella preparazione.. :-* un bacione

    RispondiElimina
  2. golosissima! poi le olive taggiasche danno sempre un valore aggiunto! :-)

    RispondiElimina
  3. Adoro la caponata, con l'aggiunta di melanzane ancora più golosa...presentata da te: il top!! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre un tesoro, Cristina! Grazie! Un abbraccio grandissimo!

      Elimina
    2. Chiedo scusa, volevo dire olive taggiasche, le melanzane è ovvio che siano tra gli ingredienti, un abbraccio

      Elimina
  4. Quanto mi piacciono le verdure, ottima caponata!

    RispondiElimina
  5. Adoro la caponata in tutte le sue declinazioni! La tua è perfetta! Complimenti!
    Un caro saluto
    Rosa

    RispondiElimina
  6. no vabbè che spettacolo! Perfetta questa caponata Maria Grazia, poi con le olive taggiasche... wao!

    RispondiElimina
  7. Con olive Taggiasche e pinoli diventa un piatto nobile.

    Recentemente ho sperimentato con tre cotture separate:
    -Melanzane saltate in agrodolce
    -Peperoni brasati al piccante
    -Zucchine e cipolle soffocate con la menta

    Quasi a temperatura ambiente si assemblano le tre preparazioni
    e si porta in tavola.

    Ma la Tua con olive Taggiasche e pinoli, mi attrae

    Salutoni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore per i preziosi suggerimenti! Ne farò sicuramente tesoro. Un caro saluto.

      Elimina
  8. Che prelibatezza e vogliamo parlare dell'aggiunta delle olive taggiasche?
    Complimenti!
    Buona settimana

    RispondiElimina
  9. Solo a gurdarla mette fame e allegria, con i suoi bei colori. Ottima direi

    RispondiElimina
  10. Mi piacciono gli stufati di verdure. Anche se nel ricettario spagnolo ci sono preparazioni simili che includono cipolla, peperoncino e zucchine, le melanzane con il pomodoro, il sedano e le olive costituiscono una combinazione stupenda.
    Questa tua ricetta sembra molto appetitosa.
    Saluti

    RispondiElimina
  11. Ciao Maria Grazia, che buona questa caponata! Mi piace tantissimo l'idea di prepararla con poco olio, ha un aspetto bellissimo e la proverò senz'altro! E mi vado a guardare le altre ricette con le melanzane!! un bacio

    RispondiElimina
  12. Non vedo l'ora che arrivino le melanzane e i peperoni dell'orto per provarla :-P
    Mi viene l'acquolina solo a vederla!

    RispondiElimina
  13. La caponata fatta una volta sola la devo rifare questa è occasione giusta. Bacioni

    RispondiElimina
  14. Una gran bella caponata di melanzane da gustare

    RispondiElimina
  15. Grazie per averci presentato il piatto Caponatina di melanzane. L'aspetto colorato dei piatti sembra aumentare l'appetito.
    Saluti dall'Indonesia.

    RispondiElimina

Chiacchierare con voi è sempre una gioia.
Grazie per i pensieri ed il tempo che mi dedicate.
I commenti anonimi verranno pubblicati solo se firmati.